Situata nell'incantevole Riviera dei Cedri, un lungo tratto della costa tirrenica cosentina, su un terrazzo a 94 metri s.l.m., Paola ha origini assai remote ma poco definite: nessuno storico nel corso degli anni è riuscito a stabilirne il periodo di nascita.

L’attuale abitato della cittadina si sviluppò a partire dal XV-XVI sec., e fino alla fine del XIX sec. rimase inalterato con la delimitazione della cerchia muraria. Nel 1875, con la realizzazione del tracciato e delle infrastrutture ferroviarie, si creò, nella zona marina, un altro polo urbano. L'abitato si svolge in gradinata verso la collina sovrastante la ferrovia, poggiando le ultime case lungo la spiaggia. Alla zona commerciale, sorta intorno alla stazione ferroviaria, la cittadina alterna la zona storica, verso la collina sulla quale è ubicato il Santuario di San Francesco, e la zona balneare, sulla spiaggia.

Paola è una delle principali mete del turismo religioso: nota in tutto il mondo per aver dato i natali a Francesco d'Alessio, proclamato Santo dopo la morte avvenuta in Francia nel 1507. La città ospita il Santuario dedicato a San Francesco che custodisce al suo interno le reliquie del santo, tra cui alcuni frammenti ossei, un dente, il veneratissimo Mantello, la corona del rosario, il Cappuccio, la Tunica da cui traspare l'estrema povertà vissuta. La Città è gemellata con Frejus (Francia) dal 1983, cinquecento anni dopo che San Francesco attraversò la cittadina francese, salvandola dalla peste.

Paola conta oggi circa diciassettemila abitanti detti “paolani”.

Oltre le origini, incerta anche l'etimologia del nome Paola. Alcuni sostengono che derivi da Patico, altri che sia stata fondata da Lucio Paolo Emilio, altri ancora asseriscono che si tratti di una città enea, il nome è dovuto probabilmente al vino che vi si produceva. Lo storiografo Romano Napolitano, invece, asserisce che il nome di Paola deriverebbe dalla parola latina “Pabula”, cioè “terra da pascolo”.

Il Patrono della città è, ovviamente, San Francesco: il 27 marzo si celebra la nascita, mentre il 2 aprile, festa canonica del Santo, la morte. I solenni festeggiamenti, invece, si tengono dal 1° al 4 maggio con diverse processioni a terra e a mare, del "busto" del Santo e del suo Mantello. La leggenda vuole che in seguito al rifiuto di un barcaiolo avaro che richiedeva del denaro per traghettarlo, Francesco si appartasse per pregare; infine steso il Mantello sulle acque e facendosi vela con il bastone, su di esso attraversò lo stretto di Messina. Per tale motivo, oltre che della città di Paola, San Francesco è il patrono della Calabria e della gente di mare, da cui è particolarmente venerato.

Dopo una giornata trascorsa in spiaggia ci si può rilassare con una bella passeggiata sullo splendido e chilometrico lungomare ricco di attività commerciali per lo shopping, bar e tanti ristoranti per gustare le tante prelibatezze della cucina locale.

Chi sceglie Paola come meta per le proprie vacanze è sicuramente amante del mare ma anche della montagna; la sua conformazione geografica, caratterizzata dalla presenza di scenari marini e paesaggi montani a ridosso della zona costiera, regala esperienze uniche.

La vastissima spiaggia, formata da caratteristici ciottoli che conferiscono ai fondali marini un azzurro intenso, è ben attrezzata con stabilimenti balneari che offrono tantissimi servizi per una vacanza divertente e rilassante.

Paola